25 POSTI concorso pubblico BANCA D'ITALIA 2022 a tempo indeterminato

CONCORSI
25 POSTI concorso pubblico BANCA D'ITALIA 2022 a tempo indeterminato

25 POSTI concorso pubblico BANCA D'ITALIA 2022 a tempo indeterminato

Concorsi pubblici per venticinque assunzioni di laureati con orientamento giuridico, a tempo indeterminato - BANCA D'ITALIA

La Banca d'Italia (giornalisticamente nota anche come Bankitalia) è la banca centrale della Repubblica Italiana, parte integrante dal 1998 del sistema europeo delle banche centrali (SEBC). Si tratta di un organismo di diritto pubblico e il suo scopo è quello di mantenere la stabilità dei prezzi e la stabilità e l'efficienza del sistema finanziario, in attuazione del principio della tutela del risparmio sancito dall'articolo 47 della Costituzione. La sede centrale è Palazzo Koch a Roma, con sedi secondarie e succursali in tutta Italia, mentre l'attuale governatore è Ignazio Visco, nominato il 20 ottobre 2011.

25 POSTI concorso pubblico BANCA D'ITALIA 2022 a tempo indeterminato

LEGGI ANCHE: 500 POSTI DI AGENTI DI POLIZIA LOCALE PER LAVORARE PRESSO IL COMUNE

Di seguito il link per scaricare il BANDO COMPLETO, maggiori informazioni e requisiti.

Concorsi pubblici per l'assunzione a tempo indeterminato di:

A.19 Esperti: con orientamento nelle discipline giuridiche;
B.6 Esperti: con orientamento nelle discipline giuridiche per le esigenze delle segreterie tecniche dell'arbitro bancario finanziario e della struttura centrale di coordinamento.

REQUISITI RICHIESTI:

1. Laurea magistrale/specialistica, conseguita con un punteggio di almeno 105/110 o votazione equivalente, in una delle seguenti classi:
giurisprudenza (LMG-01 o 22/S); scienze giuridiche (LM SC-GIUR); scienze della politica (LM-62 o 70/S); scienze delle pubbliche amministrazioni (LM-63 o 71/S); relazioni internazionali (LM-52 o 60/S); altra laurea equiparata ad uno dei suddetti titoli ai sensi del decreto interministeriale 9 luglio 2009.

E' consentita la partecipazione ai possessori di titoli di studio conseguiti all'estero o di titoli esteri conseguiti in Italia con votazione corrispondente a quella richiesta (almeno 105/110), riconosciuti equivalenti a uno dei titoli sopraindicati ai fini della partecipazione ai pubblici concorsi. La richiesta di riconoscimento dell'equivalenza del titolo e del voto deve essere presentata alla Presidenza del Consiglio dei ministri Dipartimento della funzione pubblica entro la data di svolgimento della prima prova di concorso.

2. Cittadinanza italiana, di altro Stato membro dell'Unione europea o altra cittadinanza, secondo quanto previsto dall'art. 38 del decreto legislativo n. 165/2001. Ai cittadini di uno Stato estero e' richiesto l'ulteriore requisito di un'adeguata conoscenza della lingua italiana, che sara' verificata durante le prove di concorso.
3. Idoneita' fisica alle mansioni.
4. Godimento dei diritti civili e politici. I cittadini di uno Stato membro dell'Unione europea devono godere dei diritti civili e politici anche nello Stato di appartenenza o provenienza. Nei confronti dei cittadini di Paesi terzi di cui all'art. 38 del decreto legislativo n. 165/2001 tale requisito si applica solo in quanto compatibile.
5. Non aver tenuto comportamenti incompatibili con le funzioni da svolgere nell'Istituto (cfr. art. 8).

BANDO COMPLETO

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE: QUIZ PREPARAZIONI CONCORSI PUBBLICI

Hai bisogno di aiuto?