LAUREATI CONCORSO PER LAVORARE COME PERSONALE DI SEGRETERIA

CONCORSI
LAUREATI CONCORSO PER LAVORARE COME PERSONALE DI SEGRETERIA

LAUREATI CONCORSO PER LAVORARE COME PERSONALE DI SEGRETERIA 

L’Ordine dei Farmacisti della Provincia di Lecce ha indetto un concorso pubblico, per titoli ed esami, per n.1 posto di personale di segreteria – settore economico - giuridico, area C, categoria C1, CCNL Comparto Funzioni centrali (con riferimento agli Enti pubblici non economici) a tempo parziale (25 ore settimanali) e indeterminato, con determinazione di una frazione di riserva di posto a favore dei volontari delle FF.AA. che verrà cumulata ad altre frazioni già originate o che si dovessero realizzare nei prossimi provvedimenti di assunzione. 

LAUREATI CONCORSO PER LAVORARE COME PERSONALE DI SEGRETERIA 

Di seguito maggiori dettagli.

LEGGI ANCHE: PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, ASSUNZIONI AL SUD: IN ARRIVO IL BANDO PER 2800 POSTI

Per la partecipazione al concorso è necessario il possesso dei seguenti requisiti:

a. cittadinanza italiana ovvero cittadinanza di altro Stato membro dell'Unione europea. Sono ammessi altresì i familiari di cittadini italiani o di un altro Stato membro dell'Unione europea, che non abbiano la cittadinanza di uno Stato membro, ma che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente, nonché i cittadini di Paesi terzi titolari del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo o titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria, ai sensi dell'art. 38 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 16;
b. età non inferiore agli anni 18;
c. idoneità fisica allo svolgimento delle funzioni cui il concorso si riferisce. Tale requisito sarà accertato prima dell'assunzione all'impiego;
d. godimento dei diritti civili e politici;
e. non essere stati esclusi dall'elettorato politico attivo;
f. non essere stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, ovvero non essere stati dichiarati decaduti da un impiego statale, ai sensi dell'art. 127, primo comma, lettera d), del testo unico delle disposizioni concernenti lo statuto degli impiegati civili dello Stato, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 10 gennaio 1957, n. 3 e ai sensi delle corrispondenti disposizioni di legge e dei contratti collettivi nazionali di lavoro relativi al personale dei vari comparti;
g. non aver riportato condanne penali, passate in giudicato, per reati che comportano l'interdizione dai pubblici uffici e di non essere destinatario di provvedimenti che riguardano l’applicazione di misure di prevenzione, di decisioni civili e di provvedimenti amministrativi iscritti nel casellario giudiziale ai sensi della vigente normativa;
h. di non essere a conoscenza di essere sottoposto a procedimenti penali che, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, ostino all'instaurazione del rapporto di impiego con le Pubbliche Amministrazioni;

i. per i candidati di sesso maschile, nati entro il 31 dicembre 1985, posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva;
l. possesso del seguente titolo di studio: titolo di Laurea Magistrale o diploma di laurea, rispettivamente appartenenti al nuovo o al vecchio Ordinamento Universitario, in Giurisprudenza o in Economia, o altro diploma di laurea equipollente per legge; per la validità dei titoli di studio conseguiti all'estero è richiesta la dichiarazione di equivalenza ai sensi della vigente normativa in materia, ovvero che sia stata attivata la predetta procedura di equivalenza. Il candidato è ammesso con riserva alle prove di concorso in attesa dell'emanazione di tale provvedimento; la dichiarazione di equivalenza va acquisita anche nel caso in cui il provvedimento sia già stato ottenuto per la partecipazione ad altri concorsi.
m. i cittadini di Stati membri dell’Unione Europea diversi dall’Italia e i cittadini dei Paesi terzi devono, altresì, essere in possesso dei seguenti ulteriori requisiti:
- godimento dei diritti civili e politici anche negli Stati di appartenenza o di provenienza;
- possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;
- adeguata conoscenza della lingua italiana

BANDO COMPLETO CLICCA QUI

POTREBBE INTERESSARTI: 3000 POSTI CONCORSO MINISTERO DELLA GIUSTIZIA 2021 PER DIPLOMATI E LAUREATI

Hai bisogno di aiuto?