11 posti per INSEGNANTI SCUOLA INFANZIA nuovo CONCORSO PUBBLICO

CONCORSI
11 posti per INSEGNANTI SCUOLA INFANZIA nuovo CONCORSO PUBBLICO

11 posti per INSEGNANTI SCUOLA INFANZIA nuovo CONCORSO PUBBLICO

COMUNE DI BRESCIA CONCORSO (scad. 17 gennaio 2022) Concorso pubblico, per esami, per la copertura di undici posti di insegnante scuole dell'infanzia, a tempo indeterminato (GU n.99 del 14-12-2021)

11 posti per INSEGNANTI SCUOLA INFANZIA nuovo CONCORSO PUBBLICO

LEGGI ANCHE: 3300 POSTI CONCORSI PUBBLICI SCADENZA GENNAIO 2022, LAVORARE NELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE, PUBBLICO IMPIEGO

Di seguito tutte le informazioni e il link per consultare il bando completo

REQUISITI PER L’AMMISSIONE AL CONCORSO
Per essere ammessi al concorso è necessario che i candidati siano in possesso dei seguenti requisiti:
a) essere in possesso di uno dei seguenti titoli di studio:
− diploma di abilitazione all’insegnamento nelle scuole del grado preparatorio conseguito, entro l’anno scolastico 2001/2002, presso una Scuola Magistrale al termine di un corso di studi ordinario di durata triennale;
− diploma di maturità magistrale conseguito, entro l’anno scolastico 2001/2002, presso un Istituto Magistrale al termine di un corso di studi ordinario di durata quadriennale;
− diploma equivalente alla maturità magistrale conseguito, entro l’anno scolastico 2001/2002, presso un Istituto Magistrale al termine di un corso di studi sperimentale di durata quadriennale o quinquennale, iniziato entro l'anno scolastico 1997-1998 ed avente valore abilitante;
Laurea in Scienze della Formazione Primaria indirizzo per la Scuola dell’Infanzia;
Laurea magistrale in scienze della Formazione Primaria (classe LM 85-bis).
I candidati in possesso di titolo di studio conseguito all’estero possono chiedere l’ammissione con riserva in attesa del riconoscimento di equivalenza del titolo di studio, dichiarando espressamente nella domanda di partecipazione di aver avviato l’iter procedurale previsto dall’art. 38 del D.Lgs n. 165/2001; la richiesta di equivalenza deve essere rivolta al Dipartimento della Funzione Pubblica entro la data di scadenza del bando. Il Decreto di riconoscimento del titolo deve essere posseduto e prodotto entro la data di approvazione della graduatoria finale di merito (il modulo per la richiesta e le relative istruzioni sono disponibili sul sito del Dipartimento della Funzione Pubblica: www.funzionepubblica.gov.it/strumenti-econtrolli/modulistica).

b) essere in possesso della cittadinanza italiana o della cittadinanza di uno degli stati membri dell’Unione Europea. Sono equiparati ai cittadini italiani, gli italiani non appartenenti alla Repubblica. Possono partecipare anche i familiari dei cittadini degli Stati membri dell’Unione Europea non aventi la cittadinanza di uno Stato membro che siano titolari del diritto di soggiorno o del diritto di soggiorno permanente e i cittadini di Paesi terzi che siano titolari del permesso di soggiorno CE per soggiornanti di lungo periodo o che siano titolari dello status di rifugiato ovvero dello status di protezione sussidiaria; I cittadini stranieri devono possedere, ai fini dell'accesso ai posti della Pubblica Amministrazione, i seguenti ulteriori requisiti:
- godere dei diritti civili e politici negli stati di appartenenza;
- essere in possesso, fatta eccezione della titolarità della cittadinanza italiana, di tutti gli altri requisiti previsti per i cittadini della Repubblica;
- avere adeguata conoscenza della lingua italiana;
c) avere un’età non inferiore agli anni 18 e non superiore all’età costituente il limite per il collocamento a riposo;
d) non avere riportato condanne penali e non avere procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni di legge in materia, la costituzione del rapporto di impiego con la Pubblica Amministrazione; in particolare è necessario non avere riportato condanne penali, anche con sentenza non passata in giudicato, per i reati previsti nel Capo I del Titolo II del Libro II del Codice penale, ai sensi dell’art. 35-bis, del D.lgs. n. 165/2001, per reati di cui agli articoli 600-bis, 600-ter, 600-quater, 600-quinquies e 609-undecies del codice penale, ovvero irrogazione di sanzioni interdittive all’esercizio di attività che comportino contatti diretti o regolari con minori;
e) essere in possesso, per quanto se ne è a conoscenza, dell’idoneità fisica allo svolgimento delle mansioni proprie dell’Insegnante Scuole dell’Infanzia. L’Amministrazione comunale, tramite il proprio medico competente nominato ai sensi del D.Lgs. n. 81/2008, sottoporrà a visita medica preventiva in fase preassuntiva i vincitori del concorso. Qualora l’esito dell’accertamento dia luogo ad un giudizio di inidoneità, totale o parziale, permanente o temporanea, alle mansioni richieste non si procederà all’assunzione. Si precisa che le disabilità sensoriali sono causa di inidoneità fisica per l’adempimento dei compiti specifici attribuiti al profilo professionale da conferire in quanto nel ruolo dell’insegnante sono comprese funzioni di interazione con i bambini, vigilanza sugli alunni oltre che di accompagnamento all’esterno in occasione di visite guidate sul territorio;
f) non essere stati destituiti o dispensati dall'impiego presso una Pubblica Amministrazione per persistente insufficiente rendimento o licenziati a seguito di procedimento disciplinare, ovvero non essere stati dichiarati decaduti per aver prodotto documenti falsi o viziati da invalidità non sanabile;
g) avere il godimento dei diritti civili e politici e, pertanto, non essere esclusi dall'elettorato politico attivo.
h) essere in regola nei confronti degli obblighi di leva militare (solo per i candidati di sesso maschile nati entro il 31/12/1985).

BANDO COMPLETO

POTREBBE INTERESSARE ANCHE: LAVORO E CONCORSI PUBBLICI PER EDUCATORE

Hai bisogno di aiuto?