138 posti per VIGILI URBANI concorso EMILIA ROMAGNA 2019

CONCORSI
138 posti per VIGILI URBANI concorso EMILIA ROMAGNA 2019

138 posti per VIGILI URBANI concorso EMILIA ROMAGNA 2019

CORSO-CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER LA COPERTURA A TEMPO PIENO E INDETERMINATO DI N. 138 POSTI DI AGENTE DI POLIZIA LOCALE (CAT. GIUR. C), DI CUI 27 POSTI RISERVATI AI VOLONTARI DELLE FORZE ARMATE AI SENSI DEL D.LGS. N. 66/2010.

138 posti per VIGILI URBANI concorso EMILIA ROMAGNA 2019 

Potrebbe interessarti anche: 55 FUNZIONARI DI POLIZIA LOCALE CONCORSO PUBBLICO GENOVA GU 97 DEL 10-12-2019

Alla fine dell'articolo il link al bando

SUDDIVISIONE POSTI: 

n.70 unità presso il Comune di Bologna;
n.1 unità presso il Comune di Codigoro;
n.1 unità presso il Comune di Goro;
n.1 unità presso il Comune di Lagosanto;
n.3 unità presso il Comune di Modena;
n.1 unità presso il Comune di Noceto;
n.7 unità presso il Comune di Parma;
n.15 unità presso il Comune di Piacenza;
n.11 unità presso il Comune di Reggio Emilia;
n.3 unità presso il Comune di San Lazzaro di Savena;
n.2 unità presso il Comune di Valsamoggia;
n.2 unità presso la Provincia di Forlì-Cesena;
n.2 unità presso la Provincia di Reggio Emilia;
n.1 unità presso l’Unione Bassa Val d’Arda e Fiume Po;
n.2 unità presso l’Unione Distretto Ceramico per il Comune di Formigine;
n.2 unità presso l’Unione Rubicone e Mare, di cui n.1 per il Comune di Cesenatico e n.1 per il Comune di Longiano;
n.7 unità presso l’Unione Terre d’Acqua;
n.4 unità presso l’Unione Terre d’Argine;
n.2 unità presso l’Unione Tresinaro Secchia;
n.1 unità presso l’Unione Valconca.

REQUISITI per partecipare al CORSO CONCORSO

a) cittadinanza italiana;
b) età non inferiore ad anni 18 e non superiore al limite massimo di età previsto dalla delibera regionale 1605 del 30/09/2019 pari a anni 35 da possedere alla data di scadenza del Bando. Il limite massimo di età si intende superato il giorno successivo a quello di compimento del 35 anno di età. Tale limite massimo di età viene elevato a 38 anni per i candidati che nei 2 anni precedenti la data di scadenza del bando siano stati assunti come addetti di polizia locale a tempo determinato, per almeno 60 giorni complessivi anche non continuativi;
c) titolo di studio: diploma di scuola media superiore (maturità);
Il candidato che ha conseguito il titolo di studio richiesto presso un istituto estero, deve, alla data di scadenza del termine per la presentazione della domanda di ammissione: - essere in possesso del provvedimento di equipollenza o di equivalenza del titolo di studio previsto dalla normativa italiana vigente;
ovvero
- aver presentato, presso la competente Autorità, la domanda per ottenere il rilascio del provvedimento di equipollenza o di equivalenza. Tale provvedimento dovrà essere trasmesso all’Amministrazione regionale, entro il termine che sarà comunicato dall’Amministrazione regionale e comunque non oltre la conclusione della presente procedura selettiva, pena l’esclusione. Il candidato potrà essere ammesso alla selezione, con riserva, anche anteriormente alla scadenza del termine previsto per la produzione del provvedimento richiesto. Puntuali informazioni relativamente alle procedure per il rilascio del provvedimento di equipollenza o equivalenza sono reperibili al link ministeriale: https://www.miur.gov.it/equipollenze

d) le seguenti patenti di guida:
- di categoria “B”, in corso di validità;
- di categoria “A2” per la conduzione di motocicli, in corso di validità, oppure conseguita entro la data di svolgimento della prova di preselezione a contenuti professionali; in questo ultimo caso il documento relativo alla patente “A2” dovrà essere esibito a pena di esclusione, al momento dell’identificazione prima di accedere alla prova stessa. La data esatta di svolgimento della prova di preselezione a contenuti professionali verrà pubblicata sul sito istituzionale dell’Ente
www.regione.emilia-romagna.it, seguendo il percorso: “Leggi Atti Bandi”, “Bandi e Concorsi - Opportunità di lavoro in Regione/Concorsi” - sezione “Procedure selettive pubbliche”, e si terrà nella seconda metà del mese di febbraio 2020. e) godimento dei diritti civili e politici;
f) essere in posizione regolare nei confronti degli obblighi militari di leva (per gli obbligati ai sensi di legge);
g) non essere stati ammessi a prestare servizio civile quali obiettori di coscienza oppure, trascorsi almeno 5 anni dal collocamento in congedo, avere rinunciato irrevocabilmente allo status di obiettore ai sensi dell'art. 636, comma 3, del D.Lgs. 66/2010 “Codice sull'ordinamento militare” mediante presentazione di apposita dichiarazione presso l'Ufficio Nazionale per il Servizio Civile;
h) non avere impedimento alcuno al porto e all'uso dell'arma;
i) non avere riportato condanne penali definitive per i reati contro la pubblica amministrazione di cui al Libro II, Titolo II, Capo I del c.p. e non avere procedimenti penali in corso che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione del rapporto d’impiego con la Pubblica Amministrazione;
l) non essere stati destituiti, oppure dispensati o licenziati dall'impiego presso la Pubblica Amministrazione per incapacità o persistente insufficiente rendimento, o per la produzione di documenti falsi o dichiarazioni false commesse ai fini o in occasione dell'instaurazione del rapporto di lavoro ai sensi dell'art. 55 quater del D. Lgs. 165/2001;
m) non essere stati licenziati per mancato superamento del periodo di prova per il medesimo profilo messo a concorso da meno di cinque anni e non essere stati licenziati per motivi disciplinari da una Pubblica Amministrazione di cui all’art. 1, comma 2, del D.lgs. 165/2001;
n) non aver subito condanna a pena detentiva per delitto non colposo e non essere stati sottoposti a misura di prevenzione;
o) non essere stati espulsi dalle Forze armate o dai Corpi militarmente organizzati;
p) disponibilità incondizionata al porto e all'eventuale uso dell'arma e alla conduzione dei veicoli in dotazione al servizio di Polizia Locale (autoveicoli, motocicli, ciclomotori, biciclette e autocarri per trasporto di motoveicoli);
q) non trovarsi in condizione di disabilità, ai sensi dell'art. 3 comma 4 della L. 68/99.

BANDO COMPLETO

Hai bisogno di aiuto?