NOVITÀ PERSONALE ATA: BASTA LA LICENZA MEDIA PER LAVORARE COME COLLABORATORE SCOLASTICO

CONCORSI
NOVITÀ PERSONALE ATA: BASTA LA LICENZA MEDIA PER LAVORARE COME COLLABORATORE SCOLASTICO

NOVITÀ PERSONALE ATA: BASTA LA LICENZA MEDIA PER LAVORARE COME COLLABORATORE SCOLASTICO

Dopo la pubblicazione dell'articolo PERSONALE ATA PROROGA CONTRATTI COVID ULTIME NOTIZIE DAL GOVERNO, arrivano importanti novità relative al titolo di studio necessario per le assunzioni del PERSONALE ATA per il profilo di COLLABORATORE SCOLASTICO.

NOVITÀ PERSONALE ATA: BASTA LA LICENZA MEDIA PER LAVORARE COME COLLABORATORE SCOLASTICO

Di seguito maggiori dettagli.

LEGGI ANCHE: PERSONALE ATA: CON QUANTI PUNTI È POSSIBILE LAVORARE

La Provincia autonoma di Trento ha pubblicato un'importante delibera, la n.1659 del 08/10/2021, avente ad oggetto: "direttive all'Agenzia Provinciale per la rappresentanza negoziale (A.P.Ra.N.) per la revisione dei criteri dei titoli di accesso al profilo professionale di collaboratore scolastico stabiliti nell'allegato A/2018 ai sensi dell'articolo 28 dell'accordo di revisione del CCPL d.d. 4 ottobre 2018 per le assunzioni a tempo determinato".

Di seguito un estratto della delibera:

Fermo restando che, in coerenza con quanto stabilito a livello nazionale, il titolo di accesso culturale del diploma di qualifica triennale rimane condizione essenziale per l’accesso a contratti di assunzione a tempo indeterminato nella figura di collaboratore scolastico a tempo indeterminato.
Preso atto che con apposito ordine del giorno n. 411 avente ad oggetto le assunzioni di collaboratori scolastici e i criteri di accesso ai concorsi pubblici, approvato dal Consiglio della Provincia autonoma di Trento nella seduta del 29 luglio 2021, in relazione al disegno di legge n. 110
"Assestamento del bilancio di previsione della Provincia autonoma di Trento per gli esercizi finanziari 2021 – 2023", il Consiglio provinciale ha impegnato la Giunta provinciale ad ampliare invece il ventaglio dei titoli ammissibili ai fini delle sole assunzioni di personale collaboratore a tempo determinato, e quindi a considerare valido, a tale fine, anche il diploma di terza media, così da garantire alle istituzioni scolastiche un ragguardevole numero di persone cui riferirsi per conferire incarichi di supplenza, ed altresì per ampliare le possibilità occupazionali delle persone  collocate in un’età compresa fra i 50 anni e il pensionamento, ma con comprovate capacità ed esperienza, per le quali la possibilità di lavorare nelle scuole può risultare anche utile a maturare i contributi ai fini pensionistici. Dato atto peraltro che diversi candidati attualmente esclusi dalle messe a disposizione, avevano già lavorato come collaboratori scolastici grazie al requisito precedentemente valido del diploma di terza media e, tenuto conto che l’esperienza maturata con il servizio reso è considerata fondamentale per l’adeguata erogazione della prestazione professionale, il personale privo dell’attuale titolo richiesto dovrà essere comunque in possesso di comprovata esperienza nel profilo.

La Provincia ha dunque deliberato di: "permettere, ad avvenuta modifica dei requisiti d’accesso necessari per la stipula di contratti a tempo determinato per il personale collaboratore scolastico, di presentare domanda ai candidati in possesso del diploma di licenza media, in prima applicazione in subordine a quelli già inseriti nel sistema delle messe a disposizione, con inserimento a pettine a partire dall’anno scolastico 2022/2023".

DELIBERA

POTREBBE INTERESSARTI: 750 NUOVE ASSUNZIONI ANCHE CON LICENZA MEDIA, LA REGIONE PRONTA AD ASSUMERE ENTRO IL 2021

Hai bisogno di aiuto?